Archive

Archive for dicembre 2009

MusicAlly: i 20 trends più importanti del 2009

da MusicAlly

-The ups and downs of streaming music
-iPhone applications for everyone
-Pirates on trial (and up for sale)
-Governments strike back against piracy
-Comes With Customer Confusion
-The seamier side of digital music
-Music games hit mixed notes
-Google versus the music industry
-ISPs try their hands at music services
-Ad downloads doom
-Beatles (not) for sale
-Out of the Euro-pan
-Monetising viral videos
-MySpace on the slide
-Webcasts get interactive
-Just the (pricey) ticket
-All of a Twitter
-Jobs’ worth
-Good luck, square eyes

In primavera arriva Tunited

Ecco come si presentano sul loro sito:

Tunited is a groundbreaking new independent music website which will assist new and independent artists and labels gain increased exposure, challenging the flagging music business’ growing reluctance to invest in this exciting area.

The top 100 artists will upload their music catalogue onto the website prior to launch; it will then be made available to the press and music industry for showcasing before the site goes live.

To become a profile artist, please click on the button below to enter your details and upload your track before midnight on 31.01.10. Your music will be judged by Tunited’s panel of experts including Midge Ure OBE

PDF su Last.fm 2009 – NY vs World

Interessante mega grafico su PDF che mostra l’andamento all’interno dell’anno di alcuni degli artisti più ascoltati del 2009 su Last.FM

Lo trovate QUI

a parte tutto, la cosa più interessante è notare come, alcuni artisti come i Yeah Yeah Yehas o gli ottimi Grizzly Bear abbiano avuto un picco di ascolti nel momento del leak dell’album, ancora prima della release ufficiale.

Pomplamoose, altro fenomeno di Youtube e dei social network

questo è solo uno dei video che il duo (sono una coppia) Pomplamoose ha caricato su Youtube. Video visti centinaia di migliaia di volte. Il segreto? non si sà. Sono carini e il tipo sa suonare di tutto, ma sono pur sempre cover. Però grazie al passaparola sui socialnetwork e su Youtube stesso si stanno facendo un nome fra il popolo di internet.

Blog importanti per l’industria musicale

Alcuni siti/blog sono importanti e dettano legge, influenzando anche i gusti dei lettori e di conseguenza anche le vendite (Pitchfork è famoso per questo). Su Music Nomad hanno fatto una lista dei blog più importanti:

Stereogum
Brooklyn Vegan
Gorilla vs. Bear
Largehearted Boy
My Old Kentucky Blog
Aquarium Drunkard
Idolator
Pitchfork
HearYa
I Guess I’m Floating
You Ain’t no Picasso
Muzzle of Bees
Chromewaves
sixeyes
Fluxburg
Berkeley Place
The Hype Machine
Indie Rock Cafe
Obscure Sound
The World Forgot
The Modern Music
It’s a Trap
Said the Gramophone

Sì, internet e musica 2.0, ma la massa (italiana) è pronta?

dicembre 30, 2009 1 commento

Internet è una miniera di informazioni, c’è spazio per tutti, ma c’è bisogno di gente che abbia voglia di informarsi. In Italia invece, essendo ancora legati ai canali tradizionali e quindi legati ancora al tipo di ascolto passivo (o imposto dall’alto), non c’è proprio la cultura dell’informazione attiva. Si possono utilizzare mezzi virali, web marketing, social media e tutto il resto ma se la massa rimane ancorata alle vecchie radio e televisioni c’è poco da fare. Internet da noi ha ancora poca influenza, le radio e le televisioni dettano ancora legge e i nomi che si alternano ai vertici delle classifiche sono sempre i soliti (e vecchi), oppure gente nuova che arriva, neanche a dirlo, dalla televisione.

C’è sicuramente una fetta di gente interessata, che segue la scena italiana lontano dal contesto main$tream e si informa grazie ad internet, ma è sempre una fetta piccola.

C’è spazio per tutti in internet, ogni artista ha il modo di farsi conoscere, di farsi ascoltare e pure di vendere, ma se la mentalità della gente è di disinteresse verso la musica e se rimane legata all’ascolto passivo (radio e tv) c’è poco da fare. Bisogna cambiare (come è già successo altrove) proprio la mentalità della gente, la gente deve ri-scoprire il piacere di scoprire la musica.

Concludo con una parentesi strana ma esplicativa della situazione italiana. Oggi, mentre sostituivo per qualche ora mio padre in edicola è passato un musicista con dei cd suoi, suonati da lui, in mano chiedendo se volevo comprarne uno a 5€. Siamo nell’era di internet, dello streaming, delweb 2.0, dei social network e tu sei ancora legato non solo ad un supporto obsoleto come il CD ma anche alla vendita porta a porta??? E va beh….

Evolvor: metodo di music marketing – Label 2.0

Articolo su Evolvor.com. Ecco cosa offrono:

Data
-Reliable Hosting
-21st Century Web Publishing
-Project Management Tools
-Credible Design & Navigation
-SEO & Social Media Optimization
-Content Development & Sydnication
-Guiding Visitors with Calls-to-Action
-Understanding Analytics and Conversions

Distribution
-iTunes & Other Digital Music Retailers
-Direct-to-Fan Distribution
-Peer-to-Peer Distibution
-Creating Digital Fan Clubs & Membership Sites

Discovery
-Creating Viral Content
-Utilizing Search to Drive Traffic
-Reaching Out to Influencers
-Creating Creative Press Releases
-Using PPC and PPP to Increase Exposure