Archivio

Posts Tagged ‘digital download’

Come fanno i soldi i servizi musicali online

dicembre 27, 2009 1 commento

bell’articolo su BBC News intitolato “How internet-based music services make their money

3 metodi principali: streaming, downloading e subscription

STREAM ONLINE
We7, Spotify, Myspace Music, last.fm
BUYING DOWNLOADS
7digital, Amazon, HMV, Orange, Play, SkySongs, Tesco, TuneTribe, and We7
SUBSCRIPTION
Napster, SkySongs or Spotify

ovviamente nell’articolo BBC è tutto approfondito

Susan Boyle: solo 6% di download

l’album di Susan Boyle ha appena realizzato la più grande prima settimana di vendite dell’anno in UK (412.000 copie) in USA (701.000) e a livello globale (quasi 1.300.000).

Già questa in se è una notizia, ma fa anche parlare di sè il fatto che in USA di quelle 701.000 copie solo il 6% era in formato digitale… e in USA le vendite digitali degli album non sono poche, mediamente si è vicini al 30%…anzi la settimana scorsa il n.1 (John Mayer) aveva totalizzato un 45% di vendite digitali.

Personalmente penso che i motivi principali siano due:
– target di riferimento di Susan Boyle decisamente alto come età, una fascia di età meno propensa al download e ancora legata ai mezzi tradizionali
– Avvicinandosi a Natale, in molti preferisco il formato fisico, come “oggetto” da regalare.

MSN si butta sulla musica digitale

da downloadblog

“MSN Music Downloads, questo il nome del servizio, entra oggi in funzione nella versione anglosassone del sito MSN.

Annunciato ormai da Luglio, questo servizio differisce dall’approccio intrapreso da Google inquanto la vendita dei brani è gestita direttamente da MSN, in colaborazione con EMI, Warner Music Group, Universal Music Group e Sony BMG. La musica offerta dal servizio MSN sarà in formato WMA o MP3 a 192kbps -almeno inizialmente- e sarà totalmente DRM-free, rendendo quindi bizzarra la presenza di Sony BMG nel progetto, viti i suoi recenti passati con il DRM.

MSN annuncia inoltre che è al vaglio un servizio di streaming musicale da affiancare a quello di download.”

Michael Jackson in classifica USA, il 58% è digitale

L’effetto “morte di Michael Jackson” ha colpito anche gli USA.

Gli album di Michael Jackson secondo quanto riportato da Billboard hanno venduto complessivamente 415.000 copie nei primi tre giorni dalla morte (in USA)

Dato interessante è il fatto che il 58% di queste vendite sono state vendite digitali (solitamente in USA la media si assesta sul 20%), soprattutto Amazon e iTunes. Probabile che alcuni store “fisici” abbiano avuto difficoltà e mancanza di scorte ma è una percentuale record.

Rimanendo in ambito digitale, Michael Jackson (compreso i pezzi con i Jackson 5) questa settimana ha prodotto un totale di 2.6 milioni di brani scaricati negli USA. Prima di questa settimana nessuno aveva mai superato quota 1 milione.