Archivio

Posts Tagged ‘fans’

Facebook Conversion Tracking Tool

Dovrebbe essere disponibile a Marzo, almeno da quanto riportato su Mediapost

Facebook plans to add a conversion tracking tool to its suite of advertising products based on demand from the marketplace. The platform will allow marketers to track clicks through conversion, Brian Boland, manager of direct response solutions for Facebook, told OMMA Social attendees in San Francisco on Tuesday.

The conversion tracking tool being tested by a “handful” of Facebook advertisers doesn’t have a launch date, but Boland believes it should become available sometime before the end of March. A JavaScript snippet will go into the Web page. Marketers will have an option to set up multiple tags to track numerous conversions.

Reports will provide a list of tracked conversions and the impressions and the clicks that led to each. The feature will help marketers build out messages as the campaign expands into a variety of pieces.

Annunci

Scars On 45, contratto con major grazie ai fan (e a Slicethepie)

da Rockol

Dall’appoggio finanziario dei fan al contratto multialbum con una major discografica. La rock band britannica degli Scars On 45, che ha appena firmato un accordo con la Atlantic Records (gruppo Warner Music) si è fatta conoscere grazie alla piattaforma online Slicethepie, uno dei siti più popolari tra quelli che propongono ai fan di investire sugli artisti preferiti in cambio di una serie di bonus e benefici economici: una copia dell’album, l’accesso a contenuti esclusivi ma anche, eventualmente, un ritorno economico sull’investimento effettuato (nel caso specifico 10 pence su ogni sterlina versata per ogni 1.000 album venduti). Gli accordi stipulati tra il sito londinese e i suoi utenti prevedono anche una clausola di buyout che la Atlantic ha deciso di esercitare pagando ai fan/azionisti un premio dell 50 % sull’attuale quotazione dei loro titoli.

Continua su Rockol

Anche io produco gli Ex-Otago

A parte che loro sono dei grandi (come tutta la Riotmaker) ecco un’iniziativa che ripercorre idee già concretizzate all’estero tramite siti come SellABand e Bandstocks

In pratica i fan finanziano (la chiamano “autoproduzione condivisa”)la realizzazione dell’album. Sul sito ufficiale ci sono tutti i dettagi…in breve con 25 € si acquista un’azione chiamata “buonazione” del progetto “anch’io produco gli ex-otago” e da diritto a:

– Nuovo disco degli Ex-Otago (versione speciale e limitata)
– Maglietta esclusiva dei buoniazionisti
– Una canzone in download in esclusiva in pre-release assoluta
– Riduzione costo biglietti e merch durante il tour promozionale
– Beneficiare di iniziative speciali
– Il proprio nome all’interno del booklet come “produttori associati”
– possibilità di partecipare pro-quota agli eventuali utili direvativi dalla vendita delle 2000 copie previste

Sonohra: videoclip e fans

In questo blog cerco di evitare pareri strettamente musicali, quindi non mi esprimo riguardo al lato musicale dei Sonohra ma parlo esclusivamente di un’iniziativa promozionale per il loro nuovo album in uscita l’anno prossimo.

Per anticipare l’album sarà realizzato un videoclip per il brano SEGUIMI O UCCIDIMI. Il video sarà girato il 9 dicembre a Verona e i protagonisti saranno i fan.

Per partecipare bisogna mandare un email a con oggetto VIDEOCLIP)

Il resto delle info le trovate sul forum ufficiale

in particolare è interessante questo:

“inserire uno screenshot della vostra pagina personale su facebook dove avrete inserito la foto di seguito, come foto PRINCIPALE (quella in alto a sinistra per intenderci) e dove avrete pubblicato in bacheca IL LINK A QUESTO TOPIC ([in corso] PARTECIPA AL NUOVO VIDEOCLIP DEI SONOHRA!!)”

Sfruttare la Long Tail e i veri fans

È possibile utilizzare il concetto del Long Tail (economia di abbondanza) per praticamente qualsiasi tipo di contenuto su Internet. Viene utilizzato in particolare da due categorie principali: alcuni aggregatori (Amazon, Fnac, Netflix …) e 6 miliardi di consumatori. E sono i consumatori la categoria più importante.

Per contro, il concetto di Long Tail è molto vario per gli artisti. Infatti gli artisti indipendenti sono piuttosto trascurati in questa equazione. La Long Tail aggiunge concorrenza e tensioni nel mercato e quindi un forte ribasso dei prezzi ha continuato verso il basso. E a meno che gli artisti diventano essi stessi aggregatori di altri artisti, la coda lunga può finalmente offrire loro le lettere di vendita.

Come sfruttare la coda lunga?

Una soluzione è quella di trovare i suoi 1000 “TRUE FAN”. In questa teoria sviluppata da Kevin Kelly, se sei un artista, musicista, fotografo, bastano 1000 TRUE FAN a guadagnarsi da vivere con la tua arte.

Chi è un TRUE FAN?: un true fan è qualcuno che compra tutto ciò che offre l’artista, uno che fa 500 km per vederti o che acquista le Super Deluxe Edition, che ha la pagina di eBay dei prodotti dell’artista fra i preferiti. Chi compra la T-shirt, la tazza, calzini…questi sono i TRUE FAN. E se si desidera espandere le vendite bisogna entrare in relazione con i true fan. O convertire i fan meno impegnati (fans normali) in true fan.

Il principio di Pareto afferma che l’80% delle vendite arriva dal 20% dei clienti. Questo principio illustra molto bene la lunga coda e la sua teoria di 1000 true fan. Esso consente di identificare il nocciolo del pubblico, quello su cui si dovranno concentrare gli sforzi.

In primo luogo, il vero fan, quelli normali e quelli casuali sono solo categorie. Questo è solo d’aiuto per riconoscere il pubblico di destinazione. Soprattutto perché queste categorie sono arbitrarie, e non definitive. Un fan casuale può passare a true fan, e viceversa.

Nella lunga coda di fan, in modo da separare i 3 gruppi di fan in 2 categorie. La parte superiore del 20% (true e normali) e 80% (casuali). Qui si trova il Principio di Pareto 80/20. Questi 20% dei tifosi sono quelli bisogna mettere a fuoco, quelli che sono più importanti per gli artisti, economicamente e socialmente.

Fan casuali: son quelli che conoscono (artisticamente) l’artista e che hanno sentito le canzoni, potrebbero aver comprato un album, ma nulla di più, magari hanno ascoltato tramite la radio e basta. Se questi fan seguono gli artisti sui Social Network è solo un caso, dato dall’impulso. Importa poco di quello che l’artista fa.

Spesso i “fan casuali” sono anche quelli che passano maggiormente attraverso la pirateria, quindi conviene concentrarsi sulle altre due categorie.

Fan normali: La maggior parte dei fan più importanti si trovano in questa categoria. Hanno già acquistato la musica e merchandising dell’artista. Lo seguono sulle reti sociali, e, soprattutto, amano la musica e sono interessati a sapere quello che fa. In più sono forti influenzatori. Il modo più semplice per vincere è quello avvicinarsi a loro attraverso la musica (accedendo alla musica attraverso i sito web, ad esempio, fornendo ciò che potrebbe corrispondere ad un esclusiva, parlando sui social networks, inviando informazioni ecc..).

I truefan: un 5/10% della fanbase (in termini di fedeltà e l’intensità) è composto da dai true fan. Essi sono disposti a spendere uno stipendio mensile per la vostra musica, i vostri prodotti, i concerti, il merch. Sono esigente ma preziosi. Vogliono entrare in contatto con voi in qualsiasi modo. Vogliono essere parte del tuo mondo. Ma l’aspetto più importante è la loro influenza. Sono d’aiuto nel vostro marketing e PR, fanno in prima persona di marketing e aiuteranno a diffondere la musica dell’artista.

I true fan comprano tutto ciò che viene prodotto dall’artista. Guardate l’esempio di Amanda Palmer. Ha venduto su Twitter una bottiglia di vino che stava bevendo da lei autografata per $ 320.

liberamente tradotto da digitalmusic.tumblr.com